facebookamber-alertLa comunità di Facebook attraverso la nuova iniziativa AMBER Alert può aiutare a trovare i bambini scomparsi.

Questo progetto, nasce dalla collaborazione con il Centro Nazionale per bambini scomparsi e sfruttati, avrà la funzione di emette un avviso di rapimento che comparirà in aree di ricerca mirati. Questi avvisi, che comprendono fotografie e altri dettagli sul bambino scomparso, verranno visualizzati sul mobile e sul desktop.

Gli utenti potranno condividere le informazioni con gli amici e accedere direttamente nel link riguardante l’avviso, all’interno del Centro Nazionale che ha sempre le informazioni aggiornate sul caso.

Per anni le persone hanno utilizzato Facebook per pubblicare le notizie sui bambini scomparsi apparse su AMBER Alert, il sistema di allarme nazionale adottato in caso di sospetto rapimento di minore, nato a partire dal 2002, negli Stati Uniti d’America ed in Canada. Dal 2011 il sistema è stato utilizzato da altri paesi.

Nel 2014 proprio attraverso la bacheca di Facebook un utente aveva postato e condiviso con un amico un avviso di Amber concernente un bambino scomparso riconosciuto da una proprietaria di un motel dove si trovava. Proprio grazie a questa rapida informazione poté essere restituito illeso alla polizia. Da questo episodio ed altri avvenimenti, è nata l’iniziativa del team di Facebook di creare un modo più sistematico per aiutare i bambini scomparsi. Fondamentale in questi casi la tempestività, in quanto nelle prime ore critiche se c’è un rapido passaggio dell’informazione ci sarà una concreta possibilità di trovare il bambino sparito.

Ecco come funziona: quando la polizia locale o statale qualificherà un caso come Amber Alert verrà creata una segnalazione da parte del Centro Nazionale per bambini scomparsi e sfruttati, distribuito attraverso il sistema di Facebook, con tutte le informazioni disponibili, compresa una fotografia del bambino scomparso, una targa numero, il nome, la descrizione del piccolo e il sospetto rapitore.